Il principio degli ambigrammi nel logo design

Nell’articolo oggi parleremo di una delle tecniche più belle, affascinanti e difficili del logo design: gli ambigrammi. L’ambigramma (dal latino ambo = entrambi e il greco gramma = scrittura) è una forma grafica nella quale si riconoscono delle lettere e/o dei numeri e che può essere letta in almeno due modi diversi attraverso rotazioni o inversioni a specchio della forma grafica stessa. In altre parole, avete davanti un ambigramma se riuscite a leggerlo allo stesso modo capovolgendolo. E questo, progettualmente e tipograficamente parlando, è tutt’altro che semplice! Gli ambigrammi sono dei perfetti esempi di visual design molto sofisticato. Un ambigramma è detto omogramma se le due letture danno luogo alla stessa parola ed eterogramma se la parola ottenuta dopo la rotazione di 180° è differente.

Esistono diversi tipi di ambigramma, ma quelli più importanti sono:

  • a simmetria centrale (o rotazionali), i tipi di ambigramma più comuni, sono simmetrici rispetto al loro centro, quindi risultano leggibili anche capovolti;
  • a simmetria orizzontale (o a lago), sono simmetrici rispetto ad un asse orizzontale e quindi risultano leggibili anche se riflessi, ipoteticamente, nell’acqua;
  • a simmetria verticale (o a specchio), sono simmetrici rispetto ad un asse verticale e quindi leggibili anche se specchiati; rendono molto bene nelle scritte su porte di vetro, perché possono essere letti sia da dentro che da fuori;
  • figura-sfondo, si verificano quando gli spazi tra un carattere e l’altro possono essere letti a loro volta come caratteri e quindi formare un’altra parola;
  • a catena, quando la parola viene ripetuta senza soluzione di continuità: a seconda del punto da cui si inizia a leggere, si possono ottenere parole diverse. Spesso la catena è presentata sotto forma di cerchio;
  • spinonimo, è un ambigramma in cui le lettere sono create con lo stesso glifo: il logo della Sun Microsystem ne è un chiaro esempio, perché le lettere “s”, “u” e “n” sono realizzate con lo stesso carattere ruotato;
  • percettivo (o oscillante), quando i caratteri hanno una forma ambigua e possono essere interpretati in due modi, dando come risultato due diverse parole;
  • simbiotogramma, si chiama così qualsiasi ambigramma che dà luogo a due parole diverse;
  • bilingue, si verifica quando l’ambigramma dà origine a due parole di lingua diversa.

Esistono moltissime parole che sono ambigrammi naturali, cioè che non hanno bisogno di alcuna manipolazione perché è la loro forma grafica normale a renderle leggibili in vari modi. Ad esempio, in italiano abbiamo: osso, SOS (rotazionali), CI DIEDE DEI BEI CHIODI (a lago). Invece, in lingua inglese abbiamo: suns, dollop, pod, NOON (rotazionali), bud (a specchio), CHOICE, OXIDE (a lago). I più famosi ambigrammisti contemporanei sono John Langdon e Scott Kim, considerati dei veri maestri di questa particolare forma d’arte. John Langdon è un tipografo, grafico e artista che si è formato come autodidatta e ha raggiunto risultati davvero notevoli grazie ai suoi ambigrammi. Ha conquistato la fama presso il grande pubblico grazie al romanzo Angeli e Demoni di Dan Brown, in cui sono inseriti degli ambigrammi disegnati proprio da lui! Dan Brown ha deciso di chiamare Langdon il protagonista del suo romanzo proprio in suo omaggio!

Creare un ambigramma

Creare un ambigramma è molto difficile in quanto bisogna avere un occhio molto allenato alla forma delle lettere, al disegno tipografico e calligrafico e alla simmetria. Osservando attentamente i caratteri che costituiscono una parola, l’ambigrammista deve riuscire a capire come possono essere ridisegnati, adattati, distorti e combinati al fine di arrivare al risultato voluto. La cosa più difficile è mantenere un alto grado di leggibilità in entrambe le versioni e un effetto estetico gradevole. L’ambigrammista riesce a sfruttare i punti deboli della nostra percezione, esattamente come fa un bravo illusionista! Ciò che prima era curvo diventa diritto, una lettera può sdoppiarsi in due, una linea chiusa diventa aperta, ecc. Gli ambigrammi sono delle vere e proprie magie tipografiche! Se avete voglia di imparare qualche segreto di questa tecnica, potete consultare il sito di John Langdon oppure ambigram.com

Vediamo ora alcuni esempi di ambigrammi creativi…

903

ambigramma-logo-design-903

Angels & Demons

ambigramma-logo-design-angeli-e-demoni

Edge

ambigramma-logo-design-edge

Firefly

ambigramma-logo-design-firefly

Grid

ambigramma-logo-design-grid

Jaler

ambigramma-logo-design-jaler

Light

ambigramma-logo-design-light

Logos

ambigramma-logo-design-logos

New Man

ambigramma-logo-design-new-man

One Love ltd

ambigramma-logo-design-one-love

Philosophy

ambigramma-logo-design-philosophy

Society 27

ambigramma-logo-design-society-27

Sun Microsystems

ambigramma-logo-design-sun

Vegas

ambigramma-logo-design-vegas

Wachovia

ambigramma-logo-design-wachovia

One Comment

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.