I 5 Errori Più Comuni Commessi Con Photoshop

Adobe Photoshop è il miglior software professionale per l’editing delle immagini e oggi può essere utilizzato sia da esperti che da principianti, grazie ai numerosi tutorial presenti online. Photoshop viene di solito utilizzato per modificare le immagini per il web e la stampa, ma le sue applicazioni d’uso sono tante altre. Si calcola che negli ultimi cinque anni, questo popolare software sia stato utilizzato da più di un milione di artisti grafici, designer, pubblicitari…ma anche da molte persone comuni.

I 5 Errori Più Comuni Commessi Con Photoshop

Gli Errori Più Comuni Con Photoshop

Quasi tutte le foto che vedete intorno a voi (la copertina di un libro, riviste, poster, brochure o altro) o sono state create o modificate utilizzando Photoshop. I potenti strumenti di questo software non sono solo in grado di migliorare e ritoccare le immagini, ma possono essere anche utilizzati nel mondo digitale con finalità praticamente infinite. Ma, chiaramente, è un programma che richiede molta pratica e un buon background conoscitivo, prima di essere usato efficacemente.

E gli errori o, per meglio dire, gli utilizzi non corretti di questo programma sono diventati ormai prassi comune. Oggi vedremo i 5 errori più comuni che vengono commessi con Photoshop.

1. Non Utilizzare Lo Strumento Penna

Lo strumento Penna (P) è uno dei miei preferiti, ma è oggi decisamente molto sottovalutato. Purtroppo un sacco di gente ancora esita ad usarlo, preferendo i comuni metodi di selezione e ed estrazione come lo strumento Lazo (L) e la Bacchetta Magica (W). Certo, non voglio davvero offendere coloro che utilizzano questi strumenti, ma sarebbe meglio usare lo strumento Penna per dare all’immagine un bordo più elegante. Provate ad usarlo e vi posso assicurare che non potrete più farne a meno.

2. Pensare Che Il Valore K=100 Corrisponda Al Colore Nero.

Se anche voi siete fra quelli che pensano che (in CMYK) il valore K = 100 corrisponda al nero, allora cambiate idea. Questo infatti non corrisponde al Nero, ma ad un Grigio Scuro. Anche se per la tipografia si può usare tranquillamente, quando si tratta di sfondi vi suggerisco di utilizzare un Nero più intenso come, ad esempio,  C = 90 M = 60 Y = 30 K = 100.

3. Non Usare I Tasti Di Scelta Rapida

I tasti di scelta rapida sono i vostri amici più fidati in Photoshop (come anche in Illustrator). Essi consentono di risparmiare molto tempo prezioso ed aumentare il flusso di lavoro. Potete anche crearvi delle “scorciatoie” personalizzate andando su Modifica-Scelte rapide da tastiera.

4. Non Utilizzare Livelli e Cartelle

I Livelli e le Cartelle sono molto importanti in Photoshop. Molti nuovi utenti, purtroppo, non riescono a capire la loro importanza. Non si potrà mai creare o modificare un’immagine efficacemente in Photoshop senza usare i livelli, in quanto consentono di effettuare molte operazioni utili come modificare, eliminare, duplicare facilmente ecc. Sarebbe anche opportuno dare sempre un nome ai livelli e metterli in cartelle, soprattutto quando si lavora su files di grandi dimensioni (PSD) o se si tratta di un progetto di web design. Esse vi aiuteranno a “navigare” facilmente fra i progetti e a risparmiare tantissimo tempo.

5. Eccessivo Uso Dei Filtri

Se volete che il lavoro appaia professionale, allora cercate di evitare l’uso eccessivo o improprio dei vari filtri. Infatti, anche se sono facili e divertenti da usare, andranno utilizzati il meno possibile onde evitare che il lavoro appaia troppo dilettantesco e pesante.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *